Massoneria e Satanismo - Artisti rivelano l'industria satanica - Omaggio all'esorcista don Gabriele Amorth

Patti di sangue col Diavolo e adoratori di Satana non sono frutto di fantasie o di racconti rispolverati insieme al "Faust", opera drammatica del 1808 dello scrittore tedesco Johann Wolfgang Goethe, ma dell'attività demoniaca tuttora in corso ai giorni nostri.

Attori, cantanti e artisti a tutt'oggi in gran numero, compaiono in videoclip musicali e interviste più o meno recenti asserendo la loro piena consapevole disponibilità a vendersi l'anima al diavolo pur di raggiungere il bramato successo. Desiderosi di diventare famosi a tutti costi, perfino dimentichi poi di essere arrivati a tale atto estremo, si ritrovano al vertice della loro 'performance' preda dei demòni da sentirli questi 'confessare' di gran soddisfazione il fattaccio attraverso la bocca dei poveracci caduti a quel laccio e proprio di fronte alla loro tanto agognata 'insostituibile' audience.

Inizia così la parata dei volti da palcoscenico dinanzi alle oscure 'confessioni', di aver pagato un prezzo al diavolo per la carriera, quel caro prezzo è la stessa anima, … esaltando la forza ottenutane in cambio.

Cioè costoro ricevono, come hanno avuto, il successo, la fama, la notorietà, i palchi del gran galà, i soldi 'a palate', le sfiguranti ciglia allungate sui corpi statuari e le maschere del glamour sulle riviste patinate, 'ricchezze' materiali e tutto quello che gli passa per la mente, in cambio del misero squallore dello 'svendimento' di ciò che si ha di più prezioso, la sorte dell'anima … giocata all'azzardo col demonio e a perderla senza pietà. Vendono l'anima per comprarsi l'Inferno. Non capiscono che quello che vivono è in realtà il fumo negli occhi di un Satana assatanato incantatore e bugiardo.

A suon di rap o musiche metalliche, avvolti da simboli e nei gesti occulti e occultamente palesati, cantano ai fan testi senza giri di parole dedicati al Mefistofele tentatore e al vile patto con lui stipulato, nello sfoggio dei tatuaggi e sfregi di Satana inflitti sul corpo borioso, come a incitare a fare altrettanto, apertamente cantando l'anima di essersela venduta al diavolo.

Chi sono realmente i 'beniamini' dello spettacolo? Meglio non averne. Si assiste difatti a qualcosa di implacabilmente più macabro, massonico e settario di quanto si pensi. Potremmo persino restare sconcertati di chi si possa star realmente ascoltando e quali parole, che a lasciare siffatti beniamini ne saremmo altrettanto liberati da forze oscure che ricercano lo strascinamento delle masse.

In un imperterrito "Vade Retro", subentra l'esorcista don Gabriele Amorth recentemente scomparso il 16 settembre di questo mese volto al termine del 2016. A cui qui un omaggio, prosegue il video, con il suo smascheramento della Massoneria quale sporca sete di denaro e di potere, "un legame per far carriera tra di loro etc. etc…", nel quadretto malconcio per cui "è la Massoneria oggi che comanda il mondo", soleva dire, ... dall'alto della politica corrotta a ogni ambiente, quello dello spettacolo compreso, dove "ci sono persone che si consacrano col sangue a Satana prostrandosi a lui e adorandolo come loro dio per essere suoi nella vita e nell'eternità in cambio di sesso, soldi, e piaceri", rinnegando così facendo L'Unico Dio Creatore.

Senza esorcisti, chi li scaccerà i demòni? Senza Fede con cosa si scacceranno?

Belle e brave ragazze, giovani e intrepidi ragazzi, si trasformano nelle più bizzarre delle marionette alle corde di massoni 'illuminati' della squadra di Satana e gran brigata delle burle, scambiando l'infame illusione per libertà. Quando è senz'altro da preferirsi una vita terrena di difficoltà alla stregua di stenti, che una sola frazione di secondo nel fuoco eterno dell'inferno nelle fauci dell'abietto dragone.

La svolta possibile dietro l'angolo quando ci si affida a capofitto AL Vero Unico Dio dell'eterno presente Che Ha Sconfitto il male ora e per sempre.

Autore eclidor
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!