Divina Misericordia: Cosa Dice Gesù a Suor Faustina

In questo video ascoltiamo un sunto delle dichiarazioni di Gesù a Santa Faustina Kowalska.

Cristo, in una delle tante apparizioni a Suor Faustina, parla del valore della Misericordia e gli spiega come bisogna pregare la Coroncina alla Divina Misericordia.

Questa Coroncina è composta da Credo, Pater Noster, Ave Maria, cinquanta invocazioni a Dio che per la dolorosa passione del Figlio possa aver misericordia di noi e del mondo intero, e che, per il tramite del sangue e dell'acqua che scaturiscono dal cuore di Gesù, come sorgente di misericordia per noi, dobbiamo aver fiducia in Lui.

Papa Wojtyla ha aggiunto alla fine una sua preghiera di invocazione per la salvezza del mondo.

Gesù dice a Suor Faustina che i sacerdoti devono diffondere questa preghiera in tutto il mondo e che Lui darà la grazia del perdono a chi la reciterà. Anche al peccatore più incallito, anche se reciterà una sola volta questa preghiera, specialmente se in punto di morte, lui concederà il perdono.

Quando un'anima si rivolge alla misericordia di Dio per Lui sarà un vanto della passione di Gesù, e Satana tremerà.

A tali anime Dio darà grandi gioie, anche se ha fatto grandi peccati, se confida nella sua infinita ed insondabile misericordia.

Nell'ora della morte Dio difenderà l'anima di chi ha recitato questa coroncina, oppure se accanto a lui altri la reciteranno a suo favore. Quando si recita questa coroncina vicino ad un agonizzante si placa l'ira di Dio e l'imperscrutabile misericordia avvolge l'anima e si commuovono le viscere della Sua misericordia a favore dell'anima del moribondo.

La preghiera più gradita a Dio è la preghiera per la conversione dei peccatori. Questa preghiera verrà sempre esaudita, perchè Dio desidera la salvezza delle anime.

Quando arrivano le tre, l'ora della morte di Gesù, è l'ora migliore per recitarla, con cuore pentito.

Bisogna invocare la potenza di questa preghiera per i peccatori. Se è possibile bisognerebbe fare anche la via Crucis, e se non possibile bisogna cercare di entrare in Chiesa o raccogliersi in preghiera, anche per un attimo.

Quando un fedele va in confessione Dio è lì, dietro il sacerdote, ma è lui che opera nell'anima.

Da questa sorgente tutti possono "attingere" la grazia, ma solo ed unicamente con il recipiente della fiducia in Dio, ed allora la Sua generosità non avrà limiti.

Autore itiemme
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!