Invocazione alla DIVINA MISERICORDIA di Gesù che Tutto Può.

Correva l'anno 1931, il giorno 22 febbraio, quando Gesù apparve nella fredda Polonia nel convento di Plok, ad una suora tale Faustina Kowalska. Gesù, investendola di un'importante volontà, gli affidando' un messaggio di devozione alla sua Divina Misericordia.

Così Faustina descriverà questa apparizione: "La sera mi trovavo nella mia cella. Vidi il Signore vestito in candida veste. Aveva una mano alzata in segno di benedizione, con l'altra toccava la tunica bianca sul petto. Dalla tunica, come due fessure dal suo costato usciva una Luce straordinaria. Uscivano due grandi raggi, uno rosso e l'altro bianco. Lo guardai e Lui dopo un'istante mi parlò e disse - Dipingi un quadro secondo il modello che vedi e scrivici sotto: Gesù, io confido in te! Desidero che questa immagine sia venerata nella vostra cappella e poi in tutto il mondo".

I raggi bianchi e blu, rappresentano il Sangue e l'Acqua che scorrono dall'intimo della Misericordia di Cristo sulla Croce, quando il suo cuore fu aperto dalla lancia. Il raggio bianco rappresenta l'Acqua che giustifica le anime; quello rosso il Sangue che è la vita delle anime.
Nella seconda apparizione Gesù le chiese l'istituzione della Festa della Divina Misericordia.

Santa Faustina nella sua breve vita continuò a ricevere le apparizioni di Gesù e della Vergine Maria, fu messa a dura prova, le sue notti molto spesso erano tormentate dai demoni dell'inferno.

Lei aveva ricevuto il dono delle stigmate e dell'ubiquità.

E' stata proclamata Santa da Giovanni Paolo II nell'anno 2000.

La ricorrenza della Divina Misericordia è stata istituita sempre da Papa Wojtyla nell'anno 1992 e cade ogni anno la prima domenica dopo la Santa Pasqua, come voluto da Gesù stesso.

Autore itiemme
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!