Le due Storie sulla Creazione: la Bibbia e i Sumeri

Secondo la Bibbia fu Dio, secondo i Sumeri furono gli Dèi, un popolo ominide venuto dalle stelle, gli Anunnaki, che atterrando sulla Terra la colonizzarono (6000 anni fa) e crearono gli uomini a loro immagine e somiglianza. Presero il loro DNA, quello di creature che avevano arti e sembianze simili alle loro (l'uomo primitivo), e li unirono per dar vita ad una razza superiore che li avrebbe potuti aiutare nell'estrazione dell'oro, un metallo fondamentale per salvare il loro pianeta, Nibiru, che stava lentamente morendo.

Dunque gli uomini anticamente furono creati per fungere da schiavi, per aiutare gli Anunnaki ad estrarre l'oro e a colonizzare la Terra, costruendo strutture imponenti per stazionare sul nostro pianeta. Anche gli animali mitologici, secondo le tavolette dei Sumeri erano reali, a quel tempo, perché gli Annunaki sperimentavano incroci tra razze diverse, per generare animali che avrebbero potuto vivere sul loro pianeta d'origine. Quindi Grifoni, Chimere, Sirene, o tutti quegli animali che troviamo nella mitologia erano frutto di esperimenti, animali che non sono comunque sopravvissuti perché, come direbbe oggi la Scienza, esisteva incompatibilità genetica e un DNA sopraffaceva l'altro, distruggendosi a vicenda.

L'uomo, invece, è sopravvissuto ed anzi la sua evoluzione è progredita eccellentemente, fino a prendere il posto degli stessi Anunnaki che, qualche migliaia di anni fa, abbandonarono la Terra per tornare sul loro pianeta, ai confini della nostra galassia. Ogni tanto ritornano, per controllare il loro operato, il risultato del loro lavoro, ed è forse per questo che si manifestano semplici avvistamenti nel cielo, vogliono solo sincerarsi che tutto continui per il meglio, e che l'uomo non distrugga il pianeta che loro hanno contribuito a civilizzare.

Autore SettimaLuna
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!