Mauro Biglino - Abrogato il Nome Yahweh dal Vaticano

In questo breve video tratto da una conferenza del 2014 presso Cagliari di concerto con lo studioso David Donnini (autore di Gesù e i manoscritti del mar morto) il saggista Mauro Biglino parla all'inizio del testo bibilico presente in Numeri 28, in cui Yahweh impartisce degli ordini precisi a Mosè.

In particolare desiderava che si preparasse una sostanza alcolica per lui "inebriante" (dal termine ebraico SHAKAR che letteralmente significa: ubriacare, ubriacarsi, dire frasi senza senso). Questa alquanto umana "pratica" non era richiesta solo da Yahweh ma anche dagli altri Elohim presenti e citati nella Bibbia; nei testi sumeri (da cui derivano parte dei testi biblici del pentateuco) viene descritto di come gli "dei" Anunna si ubriacavano volentieri di birra. Biglino passa poi alla circolare emessa dalla Commisione del Vaticano per il Culto Divino nel Giugno del 2008 rivolta ai sacerdoti nel quale si prega di non utilizzare più il nome Yahweh nelle fuzioni liturgiche (nel video appaiono le circolari relative) perché non è cristiano.

Infatti leggendo attentamente l'antico testamento ci si rende conto di quanto sia difficile tentare di sovrapporre la figura di Yahweh a quella del Dio Padre buono di cui ci viene raccontato, infatti Yahweh è un individuo definito "ish milchama" cioè uomo di guerra, militare o guerriero; nelle pagine della bibbia non si occupava di altro. Quindi il dubbio successivo è rivolto al padre di Gesù che non può essere Yahweh (nella bibbia è descritto come un uomo, basta leggere con attenzione Genesi 18 per esempio).

Autore jeronta17
Vota questo articolo
Avvia
Condividi

Lascia il tuo commento!