Mauro Biglino - Una delle prime Conferenze Sull'Antico Testamento

In questa conferenza datata 4/6/2010 Mauro Biglino, che ancora lavorava come traduttore dell'ebraico masoretico per conto delle Edizioni San Paolo, ci accompagna in un intrigante viaggio nelle vicende narrate nell'antico testamento partendo da un approccio prettamente storico con testimonianze di tipo archeologico poco conosciute.

Lo studioso quindi, forte dei numerosi libri già pubblicati dall'editore sopra descritto (e che evidentemente ne ha accreditato l'autorevolezza) spiega cosa effettivamente contiene quell'insieme di libri noto ai più come Bibbia. Una delle cose da chiarire è che tali volumi da lui tradotti sono rivolti agli studiosi di lingue semitiche e che il lavoro di Biglino è stato quello di tradurre spezzando le frasi in ebraico e facendo l'anailisi grammaticale, inoltre a fianco di tale lavoro c'è l'elaborazione teologica di Monsignor Ravasi noto cardinale biblista del Vaticano.

Con tale approccio letterale dell'antico testo masoretico, Biglino parte dalla vicenda delle piaghe d'egitto e del successivo attraversamento del mar rosso (che non c'è nella Bibbia perchè in ebraico è definito yam suf, che letteralemente significa canneto, palude di canne). Citando non solo l'Esodo ma anche Apollodoro e Euripide si trovano conferme e coincidenze strane ma ancor più con testimonianze legate al mondo accademico dei sumerologi come Giovanni Pettinato dimostrano come la Genesi biblica sia una copia riadattata dei più antichi testi sumeri, nella fattispecie sono impressionanti i vari esperimenti sbagliati degli "Dei" sulla fabbricazione dell'adamu (guarda caso estremamaente simile all'adàm biblico).

Una serie di interrogativi vengono sollevati sulla storia dell'umanità che da sempre ci viene raccontata come un qualcosa dallo sviluppo lineare e semplice ma che molto probabilmente è in parte (se non totalmente) da riscrivere.

Autore jeronta17
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!