Scopriamo la Potenza di San Michele Arcangelo

San Michele è uno dei tre Arcangeli del Signore, insieme a Raffaele e Gabriele, che vengono citati nella Bibbia, nel Libro di Tobia. Era uno dei due angeli preferiti da Dio, insieme a Lucifero.

Quando Satana si divise da Dio, perchè si credeva potente come Lui o più di Lui, Michele non lo segue e rimane fedele a Dio.

Pertanto Michele è l'Angelo più potente contro il Demonio, perchè lo conosce bene, e per questo Dio lo ha incaricato di difendere l'uomo dalle forze del Male.

Viene citato anche nel Libro di Daniele della Bibbia Ebraica.

Michele è l'Angelo che ha rivelato a San Giovanni l'Apocalisse.

San Michele Arcangelo è anche Patrono dello Stato della Città del Vaticano.

Padre Pio era molto fedele a San Michele Arcangelo, tanto che quando non riuscì ad esorcizzare una ragazza la mandò alla grotta di San Michele a Monte Sant'Angelo, sempre in provincia di Foggia dove, semplicente toccando la grotta, la ragazza fu liberata dal Demonio. Infatti San Michele è il Santo più invocato negli esorcismi.

Anche nell'Islam è citato l'Angelo Michele come colui che istruì il Profeta Maometto.

La tradizione vuole che un grande angelo apparve il 29 agosto 590 sul Mausoleo di Augusto a Roma durante una processione con a capo Papa San Gregorio Magno per chiedere la fine della peste. Quest'angelo ripose nel fodero la spada e la pestilenza terminò. Da allora fu posta alla sommità la statua di San Michele ed il monumento cambiò il suo nome in Castel Sant'Angelo.

A Mont Saint-Michel, nel 709, l'Arcangelo Michele apparve ben tre volte a Sant'Uberto per chiedergli di erigere una Chiesa in suo onore. Ma lui non fece nulla. Alla terza volta Michele lo toccò con un dito e gli trafisse il cranio, senza però farlo morire. Il cranio del Santo è conservato nella stessa chiesa.

Il culto di San Michele è molto vivo in tutta la Chiesa Ortodossa, specialmente in Russia.

Il 13 ottobre 1884 Leone XIII, dopo una Messa privata, riceve una visione privata dove vede la Terra invasa dalle tenebre e la Chiesa assediata e ridotta allo stremo, finchè non interviene San Michele, il Principe delle Schiere Celesti, e salva la Chiesa dal Male.  Dopo questa visione, il Papa compone la preghiera a San Michele Arcangelo facendola leggere al termine della Messa. Ecco il testo abbreviato che si continua a leggere in molte chiese: "San Michele Arcangelo, difendici nella lotta; sii nostro aiuto contro la cattiveria e le insidie del demonio. Che Dio eserciti il suo dominio su di lui, supplichevoli ti preghiamo: tu, che sei il Principe della milizia celeste, con la forza divina rinchiudi nell'inferno Satana e gli altri spiriti maligni che girano il mondo per portare le anime alla dannazione. Amen".

San Michele è protettore delle Forze di Polizia, dei paracadutisti e dei commercianti.

Chi vuole combattere il male ha perciò, in San Michele Arcangelo, un fortissimo alleato.

Programma "Vade Retro" di TV2000 dedicata all'Arcangelo San Michele.

Autore itiemme
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!